12 luglio 2018

Tartellette di pasta frolla all'uva

 Quando Mario prepara una crostata 
a volte capita che avanzi un po' di pasta frolla
 a volte la surgeliamo... oppure la utilizzo subito (questo è compito mio)
 per fare biscottini o crostatine 
basta cuocere i tondini di pasta frolla nei singoli pirottini monouso
 se poi avanza anche un po' di crema pasticcera

 la si distribuisce sui piccoli gusci di frolla

 ho aggiunto una fettina di pesca e un' acino d'uva 
ma ovviamente qualsiasi altro frutto cotto o crudo può andare bene
 una bella spolverata di zucchero a velo
  e il mio riciclo creativo è fatto!

Lo chef  ha approvato
A presto
Gio


1 luglio 2018

Barchette shabby chic

 Qualche settimana fa io e Mario ci siamo regalati una breve vacanza al mare
nella bella e ancora un po' selvaggia Costa degli Etruschi
il tempo non è stato sempre bellissimo ma siamo riusciti a fare delle belle e lunghe passeggiate tra le rilassanti pinete e le spiagge tranquille, 
 dopo una mareggiata c'era sulla riva una grande quantità di legni e legnetti levigati dal mare
 belli, puliti e bianchi, ho pensato di raccoglierne alcuni per portarmeli a casa ...
un souvenir che ha messo in moto la mia creatività 
L'idea delle barche arriva da Pinterest, "navigando" nelle sue bacheche se ne trovano di davvero carine e facili da realizzare.

Io ho fatto così:
ho incollato tra loro tre legnetti per ciascuna barca, così da renderle stabili, ho bucato il centro con il trapano e all'interno del buco ho incollato l'albero maestro
(altro non è che un semplice rametto)
Da un avanzo di lino ho tagliato le vele, doppie, ho cucito i bordi , rigirato e stirato sul diritto.
 Ho decorato il lato obliquo con un piccolo pizzo , 
armata di filo di cotone, ferro e modano ho annodato 2 piccole reti triangolari
su un pezzo di spago ho incollato tanti rettangolini di lino che una volta asciutti ho ritagliato come mini bandierine con le doppie punte, ho avvolto l'albero maestro con una catenella di spago sottile
ho issato le vele, le reti e altre piccole decorazioni di spago e mini-conchiglie
la lavorazione è la stessa ma ogni barca ha una sua personalità
devo dire che sono molto soddisfatta di come sono venute 
e ho deciso di farle diventare il mio centrotavola estivo...
così quando le guardo mi sembra di stare ancora al mare...
... magariiii...


Se vuoi costruire una barca, non radunare uomini per tagliare legna, dividere i compiti e impartire ordini, ma insegna loro la nostalgia per il mare vasto e infinito.

(Antoine de Saint-Exupéry)

Gio

24 giugno 2018

Gita a Nesso .....su quel ramo orientale del lago di Como

Ben ritrovate care amiche
Oggi vi porto con me in un luogo incantevole
là dove il torrente Tuf e il torrente Nosè si gettano nel lago
sotto il bellissimo ponte della Civera
una passeggiata che parte dal piazzale della chiesa
nella frazione alta del paese, percorrendo poi la bella mulattiera 
che in pochi minuti conduce all'antico ponte romano sul Nosè

con le sue limpide acque in un paesaggio da fiaba
superato il ponte inizia la ripida salita sull' antica strada Regia
fortunatamente all'interno un bosco fresco e rigoglioso

con le immancabili cappellette mariane dove fermarsi per una preghiera e per riprendere fiato
poi la strada comincia a scendere e si aprono meravigliosi scorci sul lago e sui monti
fino a raggiungere il borgo, in un dedalo di vicoli, tra chiese, castelli
 e tanti gradini (340) 
angoli incantevoli e un meraviglioso profumo di gelsomini
fino ad arrivare sulla riva del lago

un luogo dove il tempo si è fermato
il silenzio
rotto dal passaggio di qualche barca 
e più giù dall'incessante fragore delle acque che scendono dall'orrido
qui ci fermiamo per un po' ad ammirare il bel ponte medioevale
mentre riposano le gambe e lo spirito

per il ritorno saliamo  per un'altro sentiero
 costeggiando meravigliosi giardini affacciati sul lago.
Una passeggiata davvero bella, da percorrere in un paio d'ore a passo lento
se a qualcuno interessa l'itinerario lo potete trovare QUI
a presto
Gio


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...