20 febbraio 2017

Un lettino nuovo per Nina

la base è una scatola di cartone robusto rivestita con  della fettuccia di riciclo
adesso che Mario è in pensione mi sono ritrovata con parecchie magliette da lavoro ormai sbiadite e usurate da eliminare. Ma la mia indole riciclosa non mi ha permesso di buttarle negli stracci. Così, armata di pazienza e di forbici ho ricavato due gomitoli di fettuccia.
Tempo fa avevo visto su Postila.ru questo interessante tutorial
che grazie a un gioco di intreccio molto semplice permetteva di rivestire interamente una scatola creando un grazioso cestino
così ho fatto anch'io,
con un taglierino ho tagliato i lati della scatola in tanti settori
 (devono essere dispari)
visto lo spessore della fettuccia ho ripassato i tagli
allargando lo spazio vuoto 
poi , dopo aver annodato il capo al primo settore, ho iniziato ad andare dentro e fuori con la fettuccia, senza tirarla troppo e spingendo bene il lavoro verso il basso
con un cacciavite  ho fatto sul bordo dei buchi a distanza regolare nei quali ho fatto passare la fettuccia come finitura decorativa 
con la stessa maglina ho cucito una fodera della misura del fondo della scatola, l'ho riempita con del poliestere, creando un morbido cuscinetto per Nina che ....
..... curiosa come sempre, mi è girata intorno tutto il pomeriggio
dimostrando da subito di apprezzare il suo nuovo lettino,
a fine giornata era proprio stanca....
...vita da gatta.

a presto
Gio

16 febbraio 2017

Disegnando Zentagle ...


Un tipo di disegno che serve come mezzo  per la meditazione, un metodo inventato e registrato dagli americani Rick Roberts e Maria Thomas per raggiungere gradi di meditazione profondi. A me poco interessava il metodo in relazione alla meditazione, mi incuriosiva di più come strumento per imparare e riuscire a raggiungere una certa fluidità , in modo da rendere il  disegnare un gesto semplice, fatto di movimenti pensati ma liberi da vincoli, dove anche l'errore può diventare un arricchimento all'opera.  Mi servo dello stile Zentangle per superare la paura di sbagliare e ( come dicono i più esperti) imparare ad usare la parte destra del  cervello per disegnare. Devo dire sinceramente che mi si è aperto un mondo , ogni tanto, mentre la mia mamma riposa o guarda la televisione , prendo il mio foglio e disegno. Per me è quasi una forma di evasione mentale da una quotidianità ripetitiva come è quella di assistere una persona anziana e con problemi cognitivi, trovo gratificante e rilassante questa forma d'arte ...questi sono i miei primi passi ....

 ... lo so, la matita non andrebbe usata, invece io la uso per collocare le linee principali dei soggetti in modo armonioso, poi magari quando disegno sopra con il pennarello modifico ancora , a fine lavoro cancello con la gomma tutti i tratti di matita visibili

 su Pinterest è possibile trovare un'infinità di ispirazioni, quando trovo qualcosa che mi piace la salvo  nella mia bacheca "Bianco e Nero"
sto sperimentando un po' di tutto, dal geometrico
 al floreale
dall'astratto agli animali.



Si usano gli specchi per guardarsi il viso, e si usa l’arte per guardarsi l’anima.
(George Bernard Shaw)

A presto
Gio


Con questo post partecipo al linky party di Daniela





13 febbraio 2017

Un cuore Zentagle per S.Valentino

Da circa un' anno mi sono appassionata a questa tecnica di "disegno riposante", fatto di forme e tratti che liberamente vanno a riempire piccoli e grandi spazi.  Inauguro questa etichetta con dei cuori, una forma che amo ,sempre fonte d'ispirazioni oltre che simbolo d'amore, centro vitale di ogni creatura, dal quale (nella vita come nel disegno)si parte ma poi serve tanta buona volontà per farlo crescere e per riuscire a creargli intorno una bella cornice , fatta di tanti gesti, anche imperfetti ma che visti nell'insieme rendono, anno dopo anno. la nostra vita migliore. Sono due, perché credo sia importante amare conservando e rispettando l'unicità propria e quella dell'altro.

 Se saprai starmi vicino
e potremo essere diversi,
se il sole illuminerà entrambi
senza che le nostre ombre si sovrappongano,
se riusciremo ad essere “noi” in mezzo al mondo
e insieme al mondo, piangere, ridere, vivere.
Se ogni giorno sarà scoprire quello che siamo
e non il ricordo di come eravamo,
se sapremo darci l’un l’altro
senza sapere chi sarà il primo e chi l’ultimo
se il tuo corpo canterà con il mio perché insieme è gioia…
Allora sarà amore
e non sarà stato vano aspettarsi tanto.

(Pablo Neruda)


Buon S. Valentino a tutti!
Gio

10 febbraio 2017

Un cuscino per il seggiolone di Julia

La mia piccola Julia ha quasi cinque mesi e in questi giorni ho riportato in cucina il seggiolone che era stato di Rebecca . Adesso le sta un po' largo e così ho pensato di cucire un cuscinetto per farla stare più comoda. Dopo aver preso le misure ho disegnato il modello direttamente sulla stoffa (un vecchio avanzo di scampolo) 2 teli identici.
 una volta ritagliati i teli ho cucito singolarmente unendo A con A e B con B

 ho unito diritto contro diritto le due parti e cucito tutto il perimetro
 lasciando su di un lato un'apertura per poter inserire l'imbottitura
 dopo ave imbottito lo schienale ho fatto una cucitura al centro per fissare l'ovatta 
 ho poi riempito i laterali e in fine la seduta. Come ultima cosa ho chiuso l'apertura del cuscino con dei piccoli punti nascosti
 il cuscinetto per la principessa è fatto
 sabato con Julia facciamo il collaudo

Buon W.E.
nonna Gio

6 febbraio 2017

Uccellini e fiori scacciapensieri


 Ralizzati con le cannucce di carta arrotolate e incollate
 semplici forme ... prima il corpo, poi la coda e a parte le ali
 i fiori sono formati da tre pezzi
ognuno modellato grazie a un sottile filo di ferro che ho inserito nella cannuccia di carta
 ho completato il fiore incollando una rotella dietro e una davanti alla struttura 
 ho sporcato i contorni delle figurine con dell'acquerello in varie tonalità di verde
 ho unito i fiori e gli uccellini con un cordoncino di cotone
 ho creato due fili doppi con due uccellini e due fiori ciascuno distanziandoli in alto con un pezzetto di cannuccia riciclata da una biro
 i nodi di unione dei vari elementi sono nascosti da quattro vecchie perle di legno riciclate
ho appeso lo scacciapensieri a lato della finestra del bagno
insieme alla gabbietta che mi ha regalato la mia amica Luisa

... anticipo di Primavera...
speriamo!

A presto
Gio
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...