13 aprile 2021

Deco-torta Bing


Per il terzo compleanno della piccola Jolanda

il simpatico Bing
seduto in un campo di fiori
la torta di panna è opera della mia amica Angela

Auguriiiiiiiiii


a presto
Gio

29 marzo 2021

Coniglietti pasqualini


poi come sempre ci metto del mio
sono semplicissimi da fare, morbidi e teneri
prima variante rispetto al progetto iniziale è il quadrato di maglia, 
invece che a legaccio ho lavorato a maglia rasata. 
Ovviamente si può fare un po' più grande o un po' più piccolo.
Io ho messo 40 punti che ho lavorato per sei righe con i ferri n° 4
la magia sta tutta nel creare questa sorta di imbastitura a forma di triangolo,
 poi basta tirare , imbottire e voilà il musetto con le orecchie.

poi ho unito con una cucitura invisibile( QUI il video)il dorso del coniglio,
 ho imbottito il corpo e chiuso arricciando la base del quadrato. 
Con la stessa lana ho fatto un piccolo pom-pom e l'ho cucito sul fondo-schiena.
per le zampette ho lavorato ai ferri 2 rettagolini 
 (25 maglie per 6 righe a maglia rasata)
cuciti sul lato lungo e fissati alla pancia del coniglietto
due perline nere per gli occhietti
 con un filo di lana nera ho ricamato il nasino 
e in fine ho annodato al collo un vezzoso fiocchetto turchese
ovviamente ne ho fatti due,
uno per Rebecca e uno per Julia.


Buona Settimana Santa a tutti
Gio

24 marzo 2021

Benvenuto piccolo Pepe

in pochi grammi di pelo ...un mare di tenerezza
è arrivato sabato scorso
ha solo 2 mesi di vita e noi ce ne siamo già tutti innamorati
dopo Nina pensavo di non voler tenere un'altro gatto, la sua morte ci ha addolorato tanto, ma la mia casa era troppo triste senza un pelosetto da coccolare
Pepe è dolcissimo e molto socievole, vuole stare sempre in braccio e noi lo stiamo già viziando

lo abbiamo soprannominato piccola cozza da tanto ci sta appiccicato
Caro Pepe sono certa che staremo bene insieme e ci faremo tanta compagnia ,
 così come è stato con Vasco e con Nina 
  per sempre nel nostro cuore
Un piccolo gatto trasforma il ritorno in una casa vuota nel ritorno a casa.
Pam Brown

a presto 
Gio

 

16 marzo 2021

Tartarughe amigurumi


 Rieccomi con gli amigurumi, dopo coniglietti e cagnolini è la volta delle tartarughe, un'altro animaletto che adoro e che non vedevo l'ora di provare a realizzare. E' stato anche un modo per riempire le ore chiusa in casa a causa della pandemia.
La prima che ho creato è piccolina
il guscio, sia sopra che sotto,  realizzati con una mescolanza di ventaglietti, alternando il cotone beige a quello blu
con il cotone beige ho realizzato la testolina lavorando a punto basso in tondo, mentre le zampine sono cerchietti ripiegati a metà e uniti all'uncinetto.
ho leggermente imbottito e unito tutti i pezzi alla pancia, ho chiuso tutto con la parte sopra del guscio 

lasciando una piccola apertura per poter imbottire la tartarughina. Come ultima decorazione ho lavorato un piccolo bordo a ventaglietti sul punto di unione del guscio e ho ricamato gli occhi.

per la seconda tartaruga, un po' più grande, ho realizzato il guscio superiore unendo 7 piastrelle esagonali. 
ho lavorato alcuni giri intorno al guscio con il cotone blu cercando di smussate le rientranze tra una piastrella e l'altra
la pancia invece è lavorata in un unico pezzo quasi esagonale , leggermente più piccolo della parte superiore

ho lavorato in tondo le zampe, la testa e la codina, le ho imbottite con il poliestere e unite alla pancia, ho sovrapposto il guscio superiore, cucito tutto intorno e decorato con un'impuntura beige. Come ultima cosa ho ricamato gli occhi e la bocca .

Cercate di essere come la tartaruga – a suo agio nel proprio guscio.
(Bill Copeland)

a presto 
Gio




11 marzo 2021

Di cielo ... di azzurro e di blu

Ogni tanto ritorna il desiderio di prendere di nuovo in mano matite e pennelli, all'inizio il foglio bianco mi intimorisce ma poi lentamente riesco a liberare la mente e mi lascio ispirare dalle tonalità che preferisco...quelle del cielo e dal mare 
L’azzurro, rappresentato musicalmente, è simile a un flauto;
il blu scuro somiglia al violoncello e diventando sempre più cupo, ai suoni meravigliosi del contrabbasso;
nella sua forma profonda e solenne il suono del blu è paragonabile al toni gravi dell’organo.
(Wassily Kandinsky)

L’inclinazione del blu all’approfondimento è così grande che proprio nelle tonalità più profonde diventa più intensa e acquista un effetto interiore più caratteristico.
.Quanto più il blu è profondo, tanto più fortemente richiama l’uomo verso l’infinito,

suscita in lui la nostalgia della purezza e infine del sovrasensibile.
(Wassily Kandinsky)

a presto
Gio

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...